+39 0831 617865Consegna free in Italia con ordine minimo 150€
Il vino fa bene alla salute? Le risposte da Franklin al “paradosso francese”

Il vino fa bene alla salute? Le risposte da Franklin al “paradosso francese”

Non si può vivere bene dove non si beve bene”. Il buon Benjamin Franklin aveva già capito tutto. E la cosa certo non sorprende. Se consideriamo che in 84 anni di vita è stato giornalista, politico, scienziato, inventore, musicista, e ha pure trovato il tempo di far nascere gli Stati Uniti d’America, il fatto di aver capito in anticipo di 150 anni gli effetti benefici del vino rientra perfettamente nel suo personaggio. Aveva intuito che, oltre alla bellezza del gusto, il vino riservava qualcosa in più agli uomini.

E la domanda che negli anni ci si è ripetuti ciclicamente è: ma il vino fa bene alla salute? A dir la verità, per secoli questa cosa non ha minimamente interessato i nostri avi. Il vino era buono, faceva sorridere e rendeva piacevole ogni compagnia. E questo bastava. Nel tempo, con le scoperte scientifiche dell’epoca contemporanea, si è cercato (e lo si fa tutt’ora) di mettere i puntini sulle i su qualsiasi cosa l’uomo dovesse mangiare o bere. Bere, appunto: il vino fa bene alla salute?

Se bevuto moderatamente, la risposta sarà sempre una: si. Perché? Il segreto risiede nei polifenoli. Promettiamo di non fare di questo pezzo un trattato scientifico, ma una spiegazione va data. Basterà sapere che i tannini presenti  nelle bucce dell’uva, rigorosamente a bacca nera, hanno un effetto benefico sulla circolazione e di conseguenza sul cuore.

Questa scoperta è stata fatta studiando quello che gli scienziati hanno definito il “paradosso francese”, vale a dire il motivo per cui, nonostante i transalpini abbiano un’alimentazione grassa, con molti formaggi e salse di tutti i tipi, non risentano tuttavia di quello che ci si aspetterebbe: colesterolo alto. Da questa curiosità, si è arrivati a definire che il segreto francese risiede nel vino. I tannini puliscono le arterie, prevenendo ictus e problemi al cuore. In più hanno proprietà antiossidanti, che provvedono a pulire l’organismo dagli scarti delle cellule, cosa che non guasta mai.

Quindi è ufficiale! Il vino fa bene alla salute. Si, ma non oltre due bicchieri al giorno per l’uomo, e uno per la donna. Si dovesse superare il mezzolitro, gli effetti sarebbero devastanti soprattutto per il fegato. Quindi, gustare, assaporare il vino, sempre con moderazione. E sempre durante un pasto, preferibilmente a cena.

Non solo effetti benefici per il cuore e la circolazione. Il vino rosso ritarda l’invecchiamento della pelle e quello frizzante agevola anche la digestione. Il vino come panacea di tutti i mali, insomma. Bere vino fa bene alla salute, il buon Franklin ci aveva visto giusto. E poi, agli effetti benefici per il nostro corpo, non dimentichiamo mai di aggiungere quelli per lo spirito. Nel vino risiede il buon umore, e questa scoperta è sicuramente merito dei nostri avi.