Acquistate nuove barrique di qualità

Comment: 0

Cantine Due Palme implementa le sue barricaie con l’acquisto di nuove botti. L'azienda, infatti, vanta la presenza di due bottaie dalla capacità complessiva di 10.000 hl, di legno di eccellente qualità.

Cantine Due Palme, di Cellino San Marco, implementa le sue barricaie con l’acquisto di nuove botti. L'azienda, infatti, vanta la presenza di due bottaie dalla capacità complessiva di 10.000 hl, di legno di eccellente qualità. Le due sale, poste al di sotto dell’opificio, sembrano due templi. L’atmosfera, infatti, è sacrale e le luci soffuse. All’interno, dove ci si aggira tra le botti di legno stagionato e profumato, si trovano file di barriques in cui vi è la produzione delle riserve di vino Selvarossa che, maturando, richiedono un affinamento più lungo della normale produzione. Inoltre, tutta la gamma dei rossi trascorre un periodo di 6 mesi in barrique, necessario a favorire la micro ossigenazione e la fissazione dei polimeri del colore tramite la cessione di polifenoli. Il tutto serve per raggiungere il colore desiderato. Periodicamente il legno è sostituito, al 3° passaggio, con nuove barriques. Anche i migliori vini bianchi vengono fatti fermentare e riposare per 3 mesi nelle botti di legno. Infine, i successivi 9 mesi sono dedicati all’affinamento in bottiglia, prima della commercializzazione. I vini bianchi sottoposti a questa particolare produzione sono il Selvabianca e il Tinaia. I mercati di riferimento di questi vini, particolarmente pregiati, sono quelli del Nord Europa, dove vige il monopolio svedese e norvegese, fino agli Stati Uniti, dove si preferisce bere vini aromatici, grassi e affinati in legno. Soddisfatto di questa eccellente qualità di vini barricati il Presidente di Cantine Due Palme, Angelo Maci. “Non amiamo coprire le caratteristiche organolettiche con sentori di legno, i nostri vini sono apprezzati per la freschezza e aromaticità, che deriva dalla vinificazione di uve sane e mature – ha spiegato il Presidente -. Il legno è necessario a conferire aromi e profumi secondari che rendono il prodotto migliore, mantenendolo tipico”.